That's great, it starts with an earthquake, birds and snakes, an aeroplane... Lenny Bruce is not afraid...
Eye of a hurricane, listen to yourself churn, world serves its own needs, dummy serve your own needs...
Feed it off an aux, speak, grunt, no... strength, no... ladder structure, clatter with fear, fight, down, high...

Wire in a fire representing seven games in a government for hire and a combat site...
Left of west and coming in a hurry with the Furies breathing down your neck...
Team by team reporters baffled, trumped, tethered, cropped...
Look at that low playing! Fine, then?

Uh oh, overflow, population, common food, but it will do... save yourself! Serve yourself!
World serves its own needs...
Listen to your heart bleed dummy with the rapture and the revered and the right, right?
You vitriolic, patriotic, slam, fight, bright, light, feeling pretty psyched...

It's the end of the world as we know it...
It's the end of the world as we know it...
It's the end of the world as we know it and I feel fine...

Six o'clock -TV hour- don't get caught in foreign towers, slash and burn, return, listen to yourself churn...
Locking in, uniforming, book burning, blood letting, every motive escalate, automotive incinerate...
Light a candle, light a votive, step down, step down... watch your heel crush, crushed...

Uh oh, this means no fear cavalier! Renegade and steer clear!
A tournament, a tournament, a tournament of lies...
Offer me solutions, offer me alternatives and I decline...

It's the end of the world as we know it...
It's the end of the world as we know it...
It's the end of the world as we know it and I feel fine (I feel fine)...
(It's time I have some time alone)

It's the end of the world as we know it...
(It's time I have some time alone)
It's the end of the world as we know it...
(It's time I have some time alone)
It's the end of the world as we know it and I feel fine (I feel fine)...

The other night I dreamt of knives, continental drift divide, mountains sit in a line... Leonard Bernstein...
Leonid Brezhnev, Lenny Bruce and Lester Bangs... birthday party, cheesecake, jelly bean, boom!
You symbiotic, patriotic, slam book neck, right? Right!

It's the end of the world as we know it...
(It's time I have some time alone)
It's the end of the world as we know it...
(It's time I have some time alone)
It's the end of the world as we know it and I feel fine...

It's the end of the world as we know it...
It's the end of the world as we know it...
It's the end of the world as we know it and I feel fine...
(It's time I have some time alone)

It's the end of the world as we know it...
(It's time I have some time alone)
It's the end of the world as we know it...
(It's time I have some time alone)
It's the end of the world as we know it and I feel fine...

 

E' la fine del mondo che conosciamo (ed io sto bene)

E' grande, inizia con un terremoto, uccelli e serpenti, un aeroplano... Lenny Bruce non ha paura...
Occhio del ciclone, prendi in seria considerazione le tue preoccupazioni, il mondo serve i suoi bisogni,
soddisfa ciecamente i tuoi bisogni... ingozzati, fatti sentire... voglia di protestare? No! Forza per reagire? Neanche...
Una struttura cedevole, urlate per lo spavento, accalcatevi su e giù...

Trastullarsi con le armi è il passatempo preferito di un governo in affitto tramutato in un campo di battaglia...
La fuga dall'occidente, vi accalcate presi dal panico mentre le Furie vi alitano dietro il collo...
Gruppo a gruppo i cronisti vengono confusi, licenziati, manipolati, censurati...
Quello è un modo scorretto di agire! Bene, e allora?

Accidenti! Straripamento di acque, di persone e di cibo omologato, ma ce la caveremo... salvatevi! Servitevi!
Il mondo asseconda i suoi bisogni...
Ascoltate il vostro cuore che finge di soffrire imbambolato, ascoltate con riverenza, ascoltate la destra vero?
Ma tu sanguigno, patriottico, sbatti, combatti, ti infiammi, indichi la retta via, ti senti piuttosto nevrotico...

E' la fine del mondo che conosciamo...
E' la fine del mondo che conosciamo...
E' la fine del mondo che conosciamo ed io sto bene...

Sei in punto, ora della TV, non farti intrappolare in una torre straniera: abbatti, brucia, torna...
Prendi in seria considerazione le tue preoccupazioni...
Ingabbiare, uniformare, bruciare libri, spargere sangue, amplificare ogni diverbio, dare fuoco agli automezzi...
Accendete una candela, pregate il vostro santo protettore, abbassate le armi, guardate i vostri arti smembrati...

Oh, questa è solo la prova dell'eroismo, signore! Diserta e stattene alla larga!
Un torneo, un torneo, un torneo di bugie...
Offritemi delle soluzioni, offritemi delle vie di uscita ed io mi farò da parte!

E' la fine del mondo che conosciamo...
E' la fine del mondo che conosciamo...
E' la fine del mondo che conosciamo ed io sto bene...

E' la fine del mondo che conosciamo... (E' tempo che me ne stia un po' da solo...)
E' la fine del mondo che conosciamo... (E' tempo che me ne stia un po' da solo...)
E' la fine del mondo che conosciamo ed io sto bene... (E' tempo che me ne stia un po' da solo...)

L'altra notte ho sognato coltelli, la deriva dei continenti, montagne che si agglomerano una accanto all'altra...
Leonard Bernstein, Leonid Breznev, Lenny Bruce e Lester Bangs... la torta di compleanno, torta al formaggio,
gelatina, boom! Tu simbiotico, patriottico, forte del tuo sapere, giusto? Giusto!

E' la fine del mondo che conosciamo... (E' tempo che me ne stia un po' da solo...)
E' la fine del mondo che conosciamo... (E' tempo che me ne stia un po' da solo...)
E' la fine del mondo che conosciamo ed io sto bene... (E' tempo che me ne stia un po' da solo...)


Questa canzone nasce dopo un sogno a dir poco bizzarro fatto da Michael, praticamente ha sognato la fine del mondo... una cosuccia da nulla...!!! Buon per lui che si stava sentendo bene...!!! Ad ogni modo la cosa più sorprendente è che tutti i personaggi che sogna, malgrado non abbiano nulla a che fare l'uno con l'altro, hanno una cosa in comune: tutti hanno come iniziali L. e B. come Lenny Bruce, Leonard Bernstein, Leonid Breshnev e Lester Bangs. (Michael ha poi raccontato che in una parte del suo sogno era stato invitato ad una festa dove erano presenti solo quelle persone che avevano L. e B. come iniziali). Ma chi sono questi uomini? I più famosi sono sicuramente Leonid Iljic Breshnev (1906-1982) Capo di Stato sovietico durante gli anni '60 e '70 e fedelissimo di Krusciov. Non è passato certo alla storia come uomo della pace... anzi, nel 1968 fu lui il primo firmatario della "Lettera di Varsavia" che non fu altro che un ultimatum che faceva presagire alla imminente invasione della Cecoslovacchia. Fu sostenitore della teoria della "sovranità limitata" nei confronti di tutti gli stati satelliti dell'U.R.S.S. e della lotta contro le "eresie comuniste" dell'Europa e della stessa Cina (con la quale sfiorò la guerra in numerose occasioni) convinto che il modello sovietico fosse l'unica strada per giungere al comunismo. Non meno duro fu nei confronti degli oppositori interni al PCUS che furono tutti liquidati a suon di processi che si risolvevano con pene severissime a carico degli stessi o addirittura all'esilio. All'inizio degli anni '80 mise in discussione l'opportunità stessa di avviare un progetto di distensione con gli U.S.A. e proseguì nella sua politica belligerante promuovendo l'invasione dell'Afghanistan nel 1980. A suo merito possiamo solamente annoverare, nella seconda metà degli anni '60, i due accordi con gli Stati Uniti contro le armi strategiche che andarono sotto il nome di Salt 1 e Salt 2. Leonard Bernstein (1918-1994) è stato un direttore d'orchestra americano. Nel 1945 era direttore dell'orchestra sinfonica di New York. Nel 1948 divenne direttore dell'orchestra di Tel Aviv in Israele e poi, ritornato in patria, divenne direttore stabile della Filarmonica di New York che proprio grazie a lui ritornò agli antichi fasti. Non meno importante è stato il suo contributo alla musica come pianista e celebre è la sua opera "West side story", un musical che nel 1961 è stato anche riadattato come pellicola cinematografica. Lenny Bruce è stato uno scrittore e commediografo americano molto controverso. Il suo stile era libero e sganciato da qualsiasi tabù e ciò rendeva le sue opere taglienti e scioccanti fino a rasentare lo scandalo. Fu più volte vittima della censura che lui combatteva strenuamente. Il suo libro più famoso è "How to talk dirty and influence people". E' stato anche girato un film sulla figura di questo scrittore, "Lenny", con Dustin Hoffman protagonista. Amato o odiato, osannato o distrutto dalla critica, era solito dire: "Non sono malato, è il mondo che è malato ed io ne sono il dottore". Se vi leggete "Come parlare sporco ed influenzare la gente" ("How to talk dirty and influence people") di Lenny Bruce scoprirete che lo ha letto anche Michael... Lester Bangs è stato un critico e saggista musicale degli anni '70 morto prematuramente a 33 anni per un'overdose di darvon nel 1982. E' passato alla storia come l'inventore del termine "heavy metal" che lui usava riferendosi a musicisti quali Steppenwolf, Led Zeppelin, Alice Cooper e Black Sabbath. Questa definizione, a suo dire, gli venne fuori dopo aver letto un racconto di William Burroughs ed aver ascoltato una canzone degli Steppenwolf. Famose anche le sue biografie tra le quali citiamo quelle su Elvis Presley, Rod Stewart ed il gruppo dei Blondie. Era anche un musicista saltuario. E' interessante notare come in questo famigerato party Michael incontri solo persone passate a miglior vita... strano, veramente strano... (anche se Leonard Bernstein, al tempo, era vivo...) inoltre i R.E.M. presero davvero parte ad una festa organizzata per il compleanno di Lester a pochi giorni dalla sua scomparsa. Più esattamente era il 1980 ed i R.E.M. erano andati in tourneé a New York come spalla dei Pylon. Era la prima volta che visitavano una metropoli e presi dall'euforia spesero subito tutti i loro soldi. I giorni successivi furono giorni di fame e privazioni. Michael e Peter, per mangiare qualcosa, finirono nella festa di compleanno di Lester Bangs ma lui, ubriaco, cominciò ad insultare Peter. Alla fine i due ragazzi furono consolati dal cantante King Carrasco che li portò in pizzeria. Al di là di tutto possiamo riscontrare in questa canzone un ennesimo resoconto della situazione attuale del gruppo. Con Document il pellegrinaggio è già arrivato al punto di non ritorno, punto in cui è più conveniente arrivare alla meta che tornare indietro. I nostri ragazzi lo sanno bene ed infatti si rendono conto che il mondo non sarà più come lo avevano vissuto prima e, del resto, si sentono benone dato che i loro sforzi cominciano ad essere apprezzati un po' ovunque con recensioni e critiche a dir poco entusiastiche. La canzone è comunque troppo personale e fuori di testa per essere spiegata e tutti i riferimenti credo ce li potrebbe spiegare solo Michael in persona, o forse neanche lui... per cui passeremo oltre, l'unica cosa che voglio far risaltare è l'ennesima citazione mitologica quando parla delle Furie. Le Furie o Erinni erano le divinità della grecia antica che impersonificavano le maledizioni degli dei e le vendette punitive che essi abbattevano sugli uomini. Impersonificavano anche gli spiriti dei morti ingiustamente uccisi e non vendicati. Erano anche le custodi della giustizia e della moralità e perseguitavano in eterno chi si macchiava di reati rimasti impuniti.

| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |

| Bb | Bb | Am | Am |

| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |

| Bb | Bb | Am | Am |

| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |

| C | C | C | C |

| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |

| Bb | Bb | Am | Am |

| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |

| C | C | G | G |
| C | C | G | G |
| C | C | G | G |
| F | F | F | F |

| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |

| C | C | C | C |

| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |
| G | G | Cmaj7 | Cmaj7 |

| Bb | Bb | Am | Am |

| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |

| C | C | C | C |

| ... | ... | ... | ... |

| G | Dsus2 | Am | Am | //* played with unplugged acoustic guitar *//
| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |

| C | C | C | C | //* return to normal guitar *//

| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |

| C | C | C | C |

| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |
| G | Dsus2 | Am | Am |

| C | C | C | C |

| G | Dsus2 | Am | Am | //* fading *//

C=X32010 Cmaj7=X32000 Dsus2=XX0230 F=XX3211 G=320003 Am=X02210 Bb=XX3331