I sit at my table and wage war on myself...
It seems like it's all, it's all for nothing...
I know the barricades and I know the mortar in the wall breaks...
I recognize the weapons, I used them well...

(Reach out...)
This is my mistake, let me make it good...
(Reach out...)
I raised the wall and I will be the one to knock it down...

I've a rich understanding of my finest defenses...
I proclaim that claims are left unstated, I demand a rematch...
I decree a stalemate, I divine my deeper motives...
I recognize the weapons, I've practiced them well,
I fitted them myself...

(Reach out...)
It's amazing what devices you can sympathize... empathize...
(Reach out...)
This is my mistake, let me make it good...
(Reach out...)
I raised the walls and I will be the one to knock it down...

Reach out for me and hold me tight, hold that memory...
Let my machine talk to me, let my machine talk to me...

This is my world and I am the world leader pretend...
This is my life and this is my time...
I have been given the freedom to do as I see fit...
It's high time, I've razed the walls that I've constructed...

(Reach out...)
It's amazing what devices you can sympathize... emapathize...
(Reach out...)
This is my mistake, let me make it good...
(Reach out...)
I raised the walls and I will be the one to knock it down...

(Reach out...)
You fill in the mortar, you fill in the harmony...
(Reach out...)
You fill in the mortar...
(Reach out...)
I raised the walls and I'm the only one... 
(Reach out...)
I will be the one to knock it down...


Fingersi capo del mondo

Seduto qui sul mio tavolo dichiaro guerra contro me stesso...
sembra che sia tutto, tutto inutile...
conosco le barricate, la calce tra le fessure del muro...
riconosco le armi, le ho usate bene...

Questo è il mio errore, lasciatemi rimediare...
io ho costruito il muro ed io lo abbatterò....

Conosco alla perfezione le mie migliori difese...
proclamo che le rivendicazioni sono terminate...
chiedo che si possa ripartire da capo, promuovo un armistizio...
posso elencare le mie motivazioni più profonde...
riconosco quelle armi, so usarle bene, le ho fatte io...

E' incredibile quali dispositivi uno possa mai apprezzare ed enfatizzare...

Questo è il mio errore, lasciatemi rimediare...
io ho costruito il muro ed io lo abbatterò...

Raggiungimi e tienimi stretto, tieni bene in mente quel ricordo...
lascia che la mia macchina mi parli, lascia che la mia macchina mi parli...

Questo è il mio mondo ed io fingo di esserne il capo...
questa è la mia vita, questi sono i tempi in cui mi trovo...
mi è stata data la possibilità di fare quello che credo opportuno...
ed ora che è giunto il momento, ho abbattuto il muro che ho costruito...

E' incredibile quali dispositivi uno possa mai apprezzare ed enfatizzare...

Questo è il mio errore, lasciatemi rimediare...
io ho costruito il muro ed io lo abbatterò...

C'è chi sparge la calce e chi sparge l'armonia... c'è chi sparge la calce...
io ho innalzato il muro ed io sarò l'unico, l'unico che potrà abbatterlo...



Qui mi preme fare un discorso sul Muro di Berlino. La città di Berlino fu divisa in due alla fine della Seconda Guerra Mondiale e sanciva nel modo più eclatante che il mondo era diviso in due blocchi contrapposti: quello sovietico e quello occidentale. Questo muro di vergogna e terrore che ha reso esiliati in casa i berlinesi, che ha separato famiglie e disunito ed umiliato una nazione è finalmente crollato il 9 Novembre 1989. Ma profetica è stata sicuramente la canzone "World leader pretend" e le parole di Michael durante il "Green World Tour" non erano da meno, taglienti come lame, quando introduceva questa bellissima canzone nel modo seguente:

"we live as we dream, alone...
to break the spell we mix with the others...
we are not born in isolation...
but sometimes it seems that way...
we live as we dream, alone...
we live as we dream, alone...
we live as we dream, alone..."

L'originale è della "Gang of four", gruppo londinese art-pop-punk (mi si passi il termine...) stile Devo o Talking Heads ma, al solito, Michael ne stravolge il testo e la metrica portando alla luce una composizione talmente personale che a stento vi si riconosce la canzone originale. Quella specie di ritornello "we live, as we dream - alone..." è una citazione di una considerazione presente nel libro "Cuore di tenebra" di Joseph Conrad (tra l'altro pare che questo libro abbia ispirato Francis Ford Coppola nella realizzazione del film "Apocalypse now"). La cosa più importante è che ai primi di Maggio i R.E.M. erano in tour in Germania ed a Novembre il muro è crollato! Inoltre è bene ricordare la collaborazione che c'è stata tra i R.E.M. ed il regista tedesco Wim Wenders nel film "Fino alla fine del mondo" ("Bis ans Ende der Welt", 1991) in cui i nostri ragazzi compaiono nella colonna sonora con la canzone "Fretless". Ricordiamo che Wim Wenders è stato uno dei più poetici narratori di Berlino e del suo tragico muro nel suo film-capolavoro "Il cielo sopra Berlino" ("Der Himmel uber Berlin", 1987). "World leader pretend" è forse il testo più riuscito dove Michael riesce a parlare di due cose completamente diverse in praticamente tutte le frasi della canzone... infatti se ci pensate bene c'è un chiaro riferimento alla sua condizione di rock star ed idolo per molte persone che è stato costretto, volente o nolente, a costruirsi un personaggio da adorare. E' un po' un onesto "mea culpa" da parte sua che si completa con il desiderio che questa sua facciata esteriore costruita "a tavolino" si possa distruggere al più presto. Michael condensa ancora di più questo pensiero: "Parla di qualcuno che è in guerra con se stesso. [...] Cerco di usare una terminologia militare per enfatizzare questa lotta interiore. Ho preso spunto da una canzone di Leonard Cohen intitolata 'First we take Manhattan' dove anche lui utilizza un linguaggio militare per esprimere un concetto che è in realtà più personale ed emotivo. Fondamentalmente sono io che mi metto in competizione con Leonard cercando di fare meglio di lui. Faccio sempre così con gli artisti che stimo. Non sono geloso del loro successo, anzi, mi danno degli stimoli per cercare di scrivere canzoni migliori delle loro".

//* passing between Em and Bm there is a riff on the D string °--0-2-4--2--0---- *//

| Em | Em | Bm | Bm | //* all the song is played through an arpeggio *//
| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| G | A |

| D | G | C | D |
| D | G | C | D |
| D | G | C | D |
| D | G | C | D |

| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| G | A |

| D | G | C | D |
| D | G | C | D |
| D | G | C | D |
| D | G | C | D |

| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| G | A |

| Am | Am | C | C |
| Am | Am | C | C |
| Am | Am | C | G |
| A |

| D | G | C | D | //* it should be a piano *//
| D | G | C | D |
| D | G | C | D |
| D | G | C | D |

| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| G | A |

| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| Em | Em | Bm | Bm |
| G | A |

| Em |

C=X32010 D=XX0232 Em=022000 G=320003 A=X02220 Bm=XX4432