Call my name, here I come! 90 to nothing, watch me run, you call...
I am ashamed to say ugly girls know their fate, anybody can get laid...
You want a room with a fire escape, I want to tell you how much I hate this...

Don't leave that stuff all over me, it pains me, please just leave it...

I should toss that vanity license plate, toss that make-up painted face,
box those poems, chocolate cake, scratch that name on the record player...
Please just leave me be...

Don't lay that stuff all over me, it crawls all over, all over me...

Call my name, here I come! Your last ditch lay, will I never learn?
Caramel turn on a dusty apology, it crawls all over me...
You turn all over, it pains me, please just leave it...


 

Lingua

Chiamami, eccomi qui in un baleno! Guardami correre, devi solo chiamare...
Mi imbarazza dirlo ma le brutte ragazze conoscono il loro destino, chiunque può farsi una scopata...
Tu vuoi una stanza con l'uscita d'emergenza, io voglio solo dirti quanto odio tutto questo...

Non lasciarmi quella roba addosso, mi fa sentire male, per favore ti chiedo solo di lasciar stare...

Dovrei buttare via questa targa personalizzata, questa faccia coperta di trucco...
Dovrei chiudere in una scatola queste poesie, torta di cioccolata, dovrei scratchare quel nome sul giradischi...

Per favore ti chiedo solo di lasciarmi in pace...
Non lasciarmi quella roba addosso, striscia tutta sopra, tutta sopra di me...

Chiamami, eccomi qui! La tua ultima scopata disperata, non imparerò mai, vero?
Una cialda caramellata che cerca di nascondere una scusa poco credibile, mi striscia tutta addosso...
Tu ti giri dall'altra parte, mi fa sentire male, per favore ti chiedo solo di lasciar stare...


"Tongue" doveva essere cantata da una donna difatti inizialmente non faceva parte del disco e doveva essere prodotta per una cantante. Quando la cantante non si è più trovata Michael decise di inserirla lo stesso in "Monster" cantandola in falsetto. Proprio per questo motivo delle volte Michael la introduce dicendo: "questa canzone ha le tette!". Anche qui c'è un modo di dire "90 to nothing" che significa "in un baleno". Sentiamo cosa ha rilasciato Michael riguardo alla canzone: "Molta gente si ostina a pensare che sia io il protagonista della storia. Non è così. Dovete sapere che avevo scritto questa canzone per produrla e farla cantare da una donna. E' una donna la protagonista della vicenda. La canzone parla di una donna brutta che nessuno, se non preso dalla disperazione e dall'astinenza sessuale, si sognerebbe mai di invitare ad un appuntamento galante. Mi premeva molto parlare di questa vicenda per capire i sentimenti che si possono provare nel sentirsi accettati solo nel momento del bisogno".